I COMUNI
  
Icona

Boville, l'Angelo di Giotto e il Sarcofago paleocristiano


       Veduta del borgo di Boville Ernica illuminato dai primi raggi del soleFoto www.borghipiubelliditalia.it

Boville Ernica è un comune italiano di 8.898 abitanti.

E’  stato selezionato tra i Borghi più belli d'Italia, che raccoglie piccoli centri italiani di spiccato interesse artistico e storico.

Il suo territorio è prevalentemente collinare, si adagia sui 450 m s.l.m. di un colle a forma di cono, in posizione dominante la Valle del Sacco, con il torrente Amaseno, affluente del fiume Liri, che scorre nel territorio comunale. 

Ha origini antichissime e si è sviluppata con tre diverse fasi di insediamento: una protostorica o preromana, una romana ed una medievale

Foto di Alberto Paglia
              Panorama dai tetti di Boville -   Foto di Alberto Paglia

Il nome deriva dall’antica cittadina volsca, o osco-sannitica, e poi romana, di Bovillae, così chiamata perché vi si praticava il culto del dio Bove (Bovis Villae = città del bove). L’aggettivo Ernica è stato aggiunto con il cambio di nome del 1907 per distinguere il Comune da un omonimo e per rilevare l’appartenenza al territorio abitato dagli Ernici, antica popolazione laziale. Dal medioevo e fino al 1907 il nome del paese era Bauco, da Baculus, che designava probabilmente il nome del proprietario del fondo, oppure da Buca per la presenza di buche (o grotte) nel terreno. 


La cinta muraria medievale (X sec.), con diciotto torri a base quadrata o circolare, racchiude ad anello interrotto tutto il centro storico Foto di  www.escursioniciociaria.com

Le testimonianze delle varie epoche della storia attraversate dalla cittadina, sono conservate nei resti degli insediamenti dell'età del ferro, nelle mura megalitiche di Monte di Fico, nei reperti del periodo romano e nella cinta muraria medievale con le diciotto torri a base quadrata o circolare, che racchiude ad anello interrotto, tutto il centro storico, sorto attorno al X secolo.

Poco prima dell'ingresso al paese si trova il monumento a ricordo della battaglia risorgimentale che nel 1861 si svolse a Bauco tra le truppe piemontesi ed alcuni componenti dell'esercito borbonico che avevano cercato riparo proprio a Bauco, all'epoca territorio pontificio. 
 

Foto di Ferdinando Potenti
Porta San Nicola rappresenta l'ingresso monumentale al centro storico; il portale settecentesco, rimaneggiato nel 1865, ricorda l'architettura di Porta Romana di Veroli -  Foto di Ferdinando Potenti

Un tempo la cittadina sorgeva al piano ma, avendo subita totale distruzione dai Saraceni e nel 939 dagli Ungari, gli abitanti si trasferirono sul colle, sia per cercare maggiore sicurezza, sia perché attratti dalla fama del santo pellegrino Pietro Ispano, il quale, giungendo dalla Spagna, dopo aver combattuto in difesa della religione cristiana, aveva qui posto la sua dimora vivendo in una grotta. 

Foto di Alberto Paglia
Porta San Francesco è un antico e notevole ingresso di Boville. E' una porta rimasta allo stato tardomedioevale e ingloblata nel Convento francescano, posto alla sua sinistra. Al di sopra del varco si eleva una robusta torre quadrata, posta a difesa; sul suo fianco destro proseguono le mura
 -  Foto di Alberto Paglia

Grazie alla posizione strategica ed al baluardo costituito dalle mura, nel 1204 i baucani riuscirono a respingere gli attacchi delle truppe del regno di Napoli che intendevano attaccare lo Stato Pontificio. Il Papa Innocenzo III, per ringraziare i valorosi cittadini donò loro l'autonomia amministrativa.

Ebbe inizio così una “repubblica” che, governata a turno da dodici famiglie, andò avanti per più di quattrocento anni, caratterizzati dalla pace e dalla ricchezza.

Chiesa di San Pietro Ispano
                

Foto di Ferdinando Potenti
La chiesa di San Pietro Ispano (XII sec.) all'interno della quale sono conservati una rarissima opera a mosaico di Giotto e un sarcofago paleocristiano con una particolarissima decorazione a bassorilievo -  Foto di Ferdinando Potenti

È un vero scrigno di opere d’arte. Fu costruita nel luogo dove dimorò l’eremita giunto dalla Spagna. La grotta del santo si trova ancora nelle sue forme originali nella cripta sotto il transetto.

La prima costruzione risale al X o XI secolo, è menzionata in una bolla di papa Onorio II del 1125. Nel 1450 era già abbazia. Nella cappella fatta costruire da Mons. G. Battista Simoncelli, protonotario apostolico di Paolo V Borghese, furono trasferite e inglobate alcune opere d’arte provenienti dallo smantellamento di monumenti funebri dell’antica San Pietro, tra cui alcune sculture attribuite ad Andrea Bregno o alla sua ristretta cerchia. Tra gli altri reperti, una croce altomedievale in porfido e il celebrato tondo dell’angelo di Giotto, proveniente con ogni probabilità dalla demolizione della Navicella musiva nell’atrio della basilica vaticana. Di notevole interesse il sarcofago paleocristiano (330-350 d.C.), il cui racconto iconografico ispira interessanti dibattiti.“

Ex Convento di San Francesco (ora Museo Civico)
 

Foto di Emilia Trovini
L'ingresso dell'ex convento di San Francesco, nella splendida cornice del cinquecentesco Palazzo Filonardi, ospita le Suore Benedettine di clausura al Vespro. Nel XIV secolo alcuni nobili baucani donarono ai francescani dei terreni e dei beni e così nel 1377 furono eretti il convento e l’ annessa chiesa dove i francescani sono rimasti fino al 1927. L’accesso al monastero, in piazza S. Francesco, è caratterizzato da un bel portale d’ingresso voltato con l’intradosso, affrescato con lo stemma dei Minori Conventuali, oltre il quale inizia il suggestivo porticato del chiostro - Foto di Emilia Trovini

Foto di Emilia Trovini
Altare maggiore della Chiesa Museo di San Francesco. Da notare il paliotto in argento con le insegne dell’ordine dei Minori Conventuali e arabeschi su fondo di velluto - Foto di Emilia Trovini

La chiesa era annessa al vicino convento di San Francesco. I frati conventuali arrivarono a Boville nel 1377 e vi restarono fino al 1927. Il complesso fu alienato alla famiglia Benedetti-Aloisi, che cedette poi la chiesa al comune negli anni ‘70. La chiesa è stata restaurata di recente e oggi è un Museo Civico.

Foto di Emilia Trovini
Affresco di scuola giottesca venuto alla luce dopo gli ultimi restauri - Foto di Emilia Trovini 

Foto di Emila Trovini
Affresco che rappresenta la Vergine con bambino del XII-XIII sec.  attribuito alla scuola bizantina. Al di sotto si possono notare due croci patenti - Foto di Emilia Trovini


Sulla parete destra la Vergine con bambino di XII-XIII sec. è attribuito alla scuola bizantina
. Nella parete sinistra il ciclo pittorico con storie di santi è riconducibile a un artista della cerchia giottesca.
Tra le altre opere un organo mobile del ‘600, un paliotto d’altare in argento con le insegne dell’ordine e arabeschi su fondo di velluto.  

Foto di Emilia Trovini
Molto bello l’organo, del XVII secolo, i cui sportelli sono dipinti con le figure di San Francesco e dell’Immacolata - Foto di Emilia Trovini

L’edificio culturale oggi si presenta come un singolare palinsesto di opere d’arte: è ad aula unica coperta da un pregevole soffitto a cassettoni. Ospita tre altari del ‘700, decorati in stucco. I restauri hanno portato in luce frammenti di affreschi.

Foto di Emilia Trovini
Un affresco che raffigura una Madonna avvolta in una mandorla luminosa contornata da una serie di simbologie,  ovvero “una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi” come ci riferisce San Giovanni nel cap. 12 dell’Apocalisse - Foto di Emilia Trovini

Foto di Emilia Trovini
Simboli presenti nella parte bassa dell'affresco che raffigura la Madonna e ognuno di essi si riferisce alla Vergine Maria. Sulla sinistra troviamo un borgo con torri e cupola: le torri rappresentano l’inaccessibilità al male e la cupola indica la “domus sapientiae” ossia la casa della sapienza. Il giardino recintato “Giardino chiuso tu sei” è riferito alla verginità della Madonna che non è stata fecondata da seme umano. Il simbolo successivo non è uno specchio, ma un tabernacolo, santuario di Dio, inteso come sacramento universale di salvezza. Il drago a 7 sette (di cui una semicancellata), si riferisce al drago rosso, identificato con il serpente, simbolo terrestre in antitesi con quello celeste della Madonna. L’ultimo simbolo, infine, è il “Templum Dei” , citato nelle litanie: “Tempio dello Spirito Santo. Prega per noi.” - Foto di Emilia Trovini

Di epoca romana una macina di “tipo pompeiano” e una testa femminile del III sec. d.c., il cui restauro ha fatto riemergere la pregevolissima fattura.

Testo: I luoghi del cuore FAI 

Chiesa di San Michele Arcangelo

Foto di Enzo Sorci
                 Chiesa di San Michele Arcangelo - Foto di Enzo Sorci

"Tra le più antiche chiese del paese, troviamo la collegiata di S. Michele Arcangelo risalente al secolo IX, poi ricostruita nel 1700, ubicata in piazza S. Angelo. Il prospetto è stato realizzato nei primi anni del 1800 su disegni dell’architetto Giuseppe Subleyras (1745-1819). Dai critici messo a confronto con S. Giovanni dei Fiorentini a Roma, costituisce un esempio tra i più notevoli di architettura religiosa di stile neoclassico della provincia.

Presenta due ordini architettonici che scandiscono i due piani, il primo coronato da una trabeazione, il secondo dal timpano. I due piani sono raccordati da volute e la facciata è in pietra calcarea locale e mattoncini in laterizio che creano una piacevole bicromia. L’interno è a tre navate con transetto, al centro del quale si proietta la cupola con lanternino. Le navate sono scandite da pilastri, che portano gli archi ed il soffio voltato e lunettato.

Foto di Emilia Trovini
La chiesa custodisce il monumento funebre del cardinale Ennio Filonardi, un pregevole San Sebastiano del Cavalier d’Arpino e altre notevoli tele di vari periodi, tra cui la settecentesca Addolorata di Antonio Cavallucci. Foto di Emilia Trovini 

Dalla navata laterale di destra si accede a una cappella dedicata S. Sebastiano (santo protettore della famiglia Filonardi) che custodisce una tela illustrante il martirio del santo attribuita a Giuseppe Cesari detto il Cavalier D’Arpino (1560-1640), un dipinto raffigurante S. Emidio che protegge dai terremoti, attribuito a S. Sebastiano Conca (1680-1764) e la tomba monumentale del Cardinale Ennio Filonardi realizzata in pietra tufacea locale che si richiama alle tombe sansoviniane di Roma.

Foto di Emilia Trovini
Tomba del Cardinale Ennio Filonardi (Boville 1446- Roma, Castel S. Angelo 1549) nella cappella di famiglia all'interno della chiesa di S. Michele Arcangelo - Foto di Emilia Trovini

La chiesa è ricca anche di altre tele tra cui quella dell’Addolorata di Antonio Cavallucci da Sermoneta (1752-1795), e altri monumenti funebri di personaggi illustri dedicati a Desiderio De Angelis e sua sorella, a Mons. Giuseppe Paglia e all’astronomo Giuseppe Armellini."

(testo di Paola D’Arpino, tratto da “Boville Ernica: Storia-Arte-Tradizioni” edito dal Comune di Boville Ernica, Aprile 2003) (www.ciociariaturismo.it)

 Chiesa di Santo Stefano 

Foto di Emilia Trovini
             
                    Chiesa barocca di Santo Stefano -  Foto di Emilia Trovini

Gli altari ci tramandano la generosità dei loro antichi patroni: lo splendido altare maggiore in marmo locale conserva gli stemmi della famiglia Marziale.

Sugli altari laterali due tele seicentesche: la Lapidazione di Stefano e S. Giovanni Evangelista.

In presbiterio si possono ammirare S. Nicola di Bari e S. Antonio Abate. Nel braccio più lungo della croce greca una serie di cinque tele di un anonimo paesista romano del 600, con in primo piano di S. Onofrio, La Veronica, S. Girolamo, S. Maria Maddalena e Gesù nell’orto degli ulivi. Il campanile della chiesa corrisponde ad una delle torri circolari della prima cerchia muraria che giungono fino a S. Maria.

Si ha notizia che una chiesa dedicata al protomartire della cristianità fosse già esistente nel XIII sec. in centro. Fu sede di parrocchia solo sino alla fine del ‘500, fu poi sede di Confraternite. Nel 600 venne ricostruita con piantato a croce greca asimmetrica e gli antichi affreschi sostituiti da una pregevole quadreria.

Chiesa di San Giovanni Battista (sconsacrata)

La Chiesa di San Giovanni Battista presenta un esterno in pietra locale, in tufo, cosa che conferma la sua funzione di Chiesa rurale. L’interno è scandito da una sola navata: entrando e concentrando lo sguardo sull’altare maggiore, si nota l’affresco con il Battesimo di Gesù da parte del Giovanni Battista, attribuito al Domenichino.

L’edificio è ormai sconsacrato: nel 1870 divenne proprietà comunale e trasformata prima a magazzino, successivamente biblioteca ed attualmente a sala consiliare e conferenze.

foto di Emilia Trovini
L'affresco del Battesimo di Gesù sull'altare maggiore della chiesa, ormai sconsacrata, di S. Giovanni Battista. L'opera è attribuita a Domenico Zampieri, detto il "Domenichino", uno dei più grandi artisti del '600 italiano. "Nella scena rappresentata si nota un gusto del paesaggio in cui sono evidenti gli echi della scuola bolognese, città dove il Domenichino è nato, dei Carracci. La biografia dello Zampieri documenta i suoi frequenti spostamenti di lavoro tra Bologna, Roma, Frascati, Napoli e rende plausibile una opportuna tappa su commissione di Monsignor Simoncelli, sui percorsi di spostamento, a Bauco" (Il virgolettato è un commento di Paola D'Arpino) - Foto di Emilia Trovini

Le Mura

Foto di Alberto Paglia
                Una parte della cinta muraria medievale - Foto di Alberto Paglia

Le bellezze storico-artistiche di Boville Ernica, sono circondate dalla cornice naturalistica della Valle del Sacco, della Valle del Liri e della Valle del fiume Cosa. Percorrendo l'anello della strada che affianca le mura, sono visibili i territori di ben 72 comuni diversi appartenenti a 6 province di 4 regioni diverse (Lazio, Campania, Abruzzo, Molise).

Foto di Ferdinando Potenti
             Un altro tratto delle mura medievali - Foto di Ferdinando Potenti

Il particolare fascino di queste vedute è stato descritto ed esaltato da letterati come
Cesare Zavattini ed illustrato da artisti famosi come Giovanni Fattori, che per alcuni periodi della loro vita hanno soggiornato a Boville. 
L’ingresso al paese è rappresentato dal piazzale Granatieri di Sardegna,  dove sorgono il monumento che ricorda la battaglia del 1861 fra soldati del Regno d’Italia e borbonici e una Fontana con una caratteristica “Conca” ciociara in pietra.

Foto di Tonino Bernardelli
Un suggestivo tramonto fa da sfondo al profilo di Monte Cacume e alla "Conca", due simboli della Ciociaria - Foto di Tonino Bernardelli
 
Sulla balaustra del piazzale è stata collocata una pietra che indica la direzione dei numerosi  paesi che si possono vedere da Boville.

Foto di Franco Olivetti
La pietra che indica la direzione dei ben 72 comuni diversi appartenenti a 6 province di 4 regioni diverse (Lazio, Campania, Abruzzo, Molise) che si vedono da Boville  -   Foto di Franco Olivetti

Camminando intorno alla cinta muraria, ammirando le torri e gli archi delle porte d'ingresso alla città, si può contemporaneamente volgere lo sguardo sullo splendido panorama dell'intera Ciociaria.

 Foto di Enzo Sorci
         Una delle 18 torri della cinta muraria a base quadrata   -  Foto di Enzo Sorci     

Foto di Alberto Paglia
                        Porta San Francesco - Foto di Alberto Paglia

La passeggiata attorno alle mura del paese ci offre anche la vista sulla flora dei Monti Ernici, gli uliveti ed i vigneti, vanto delle produzioni vinicole ed olearie locali. 
Le mura difensive, che facevano di Bauco un paese inespugnabile, sono così ben conservate che, ancor oggi,  la chiusura dei cancelli delle tre porte cittadine, impedirebbe ogni accesso al borgo.

Foto di Giovanni Fraioli
Viali di Boville   -   Foto di Giovanni Fraioli

L'Angelo di Giotto 

Foto di Brandaqui
Il prezioso Mosaico disegnato da Giotto, raffigurante il busto di un Angelo, che Monsignor Giovanni Battista Simoncelli, di Boville, ricevette in dono dal Papa Paolo V - Simoncelli lo destinò all'abbellimento della sua cappella gentilizia posta nella chiesa di San Pietro Ispano. Il tondo di Boville  Ernica è il solo pezzo integro mai toccato dell’intera opera giottesca, l’unica del maestro realizzata in mosaico  -  Foto di Brandaqui
 

 
Nel 1610  l’arrivo a Bauco, oggi Boville Ernica, di un mosaico di  70 cm. proveniente dalla  vecchia Basilica Vaticana in Roma rese il nostro paese, unico al mondo.

Monsignor Giovanni Battista Simoncellibaucano, era  nella curia di Roma, protonotario apostolico “cubicularius” addetto alle vesti del Pontefice, Paolo V Camillo Borghese allora regnante.
Simoncelli ricevette in dono dal Pontefice quel mosaico destinato all’abbellimento della sua cappella gentilizia posta nella chiesa  abbaziale di San Pietro Ispano e precisamente la prima a sinistra entrando.

Il mosaico raffigura il busto di un angelo ed è stato realizzato dai mosaicisti romani su “cartone” cioè disegno di Giotto.

Trattasi della reliquia, la sola rimasta intatta dall’epoca della sua realizzazione, del complesso musivo detto  La Navicelladisegnata  da Giotto a Roma nei primi anni del 1300 su commissione del cardinale Jacopo Stefaneschi e posizionato nell’atrio della basilica costantiniana costruita sul Colle Vaticano.

Nei primi del 1300 Giotto si recò a Roma per studiare la pittura della scuola romana e in particolare le opere di Pietro Cavallini. L’opera di Giotto è il lavoro più importante del periodo della cattività avignonese. Il disegno, cartone, di Giotto rappresenta nella parte centrale l’episodio evangelico della  barca, la Chiesa, di Pietro in pericolo per la tempesta nel mare di Tiberiade con il Cristo invocato dall’apostolo.

Foto di Maurizio Ciliegi
La cappella Simoncelli di San Pietro Ispano. Al suo interno è conservata una tra le più pregevoli spolia medievali giunte sino a noi, il tondo musivo con l’angelo di Giotto proveniente dalla basilica Vaticana. E ancora il bassorilievo del Sansovino (XV sec.) finemente lavorato in marmo, raffigurante la Madonna col Bambino in braccio. Le statue di S. Pietro e S. Paolo (XV sec.) poste ai lati della cappella sono opera di Andrea Bregno; la Croce in porfido (subito entrando a sinistra nella chiesa) che veniva un tempo esposta all’adorazione dei fedeli, davanti l’atrio della vecchia basilica vaticana, per aprire gli anni santi e che venne baciata da re, papi e imperatori (si dice anche Dante Alighieri in occasione del Giubileo del 1300) -   Foto di Maurizio Ciliegi

Giotto pose due tondi con la figura di angeli: l’uno che guarda da sinistra a destra, quello conservato a Boville Ernica e l’altro che guarda da destra a sinistra conservato nelle Grotte Vaticane. Quest’ultimo risulta purtroppo danneggiato per le sue vicissitudini ed ampiamente restaurato.

Il tondo di Boville  Ernica è il solo pezzo integro mai toccato dell’intera opera giottesca, l’unica del maestro realizzata in mosaico.

In effetti l’attuale aspetto dell’opera è in forma di quadrato: nel 1600 per adattarlo al sito che oggi lo accoglie furono aggiunti quattro spicchi triangolari in tessere dorate.
L’opera conservata con amorevole cura in Boville Ernica mostra come  l’arte di Giotto già  all’epoca andava già distaccandosi dai tipi del Cavallini verso quello stile che lo distinguerà come dice il Berenons, mostrerà i caratteri tattili concreti realistici della sua pittura.

Lo sguardo profondo indagatore, l’azzurro delle vesti il nastro dello scollo, rendono la figura  anatomica,  non la coprono, la plasticità delle ali aumentano l’anatomia perché non sono sovrapposte , ma fuoriescono facendone parte della figura. Siamo di fronte ad un’opera unica per la storia dell’arte pittorica e del mosaico italiano.

Nessun dubbio circa la sua autenticità attestata  dalla scritta posta in alto del mosaico, l’analisi delle tessere e della maniera di disporle, lo stile, la tradizione, inoltre l’interesse nazionale ed internazionale che il nostro “Angelo” suscita costantemente.

(a cura di Luigi Liberati)


Il SARCOFAGO PALEOCRISTIANO   


Il Sarcofago Paleocristiano del IV sec. d. C., una delle poche testimonianze del periodo paleocristiano in Ciociaria - Foto di Paola D'Arpino

LA NATIVITA’ NEL SARCOFAGO DEL IV sec. DI BOVILLE ERNICA. SIMBOLI E MERAVIGLIE NASCOSTE

Di Paola D'Arpino. (clicca per approfondimenti)

Il sarcofago paleocristiano di Boville Ernica è databile alla metà del sec. IV d.C. .

Esso è stato casualmente trovato nel 1941 nella Contrada Sasso di Boville Ernica. Dal 1947, dopo il restauro, è conservato nella Chiesa di San Pietro Ispano, nel centro storico medievale, a pochi passi dalla sede del Municipio. 
                    
La sua importanza è sia di carattere archeologico – essendo una delle poche testimonianze del periodo paleocristiano in Ciociaria e in generale nel Lazio meridionale – sia di carattere iconografico, poiché la sua decorazione figurata costituisce un unicum. Inoltre non si può trascurare il significato religioso del ritrovamento, che attesta la precocità della diffusione del Cristianesimo nel nostro territorio.

**Il Sarcofago Paleocristiano di Boville Ernica, a cura di Elisa Canetri

Boville Ernica: il sarcofago paleocristiano del IV sec. d.C.

Nei giorni di festività natalizie in cui si rinnova l’allestimento del Presepe nelle nostre città e nelle nostre case si cerca anche di riscoprire le radici antiche di questa tradizione, nel tempo e nello spazio, spesso anche alla ricerca di modelli illustri. Così può capitare di leggere articoli o guardare documentari o servizi televisivi in cui si vanta di aver scoperto o riscoperto “il presepe più antico del mondo”. Certo l’Italia con le sue meraviglie artistiche e il suo millenario e privilegiato legame con tutto ciò che attiene alla sfera del Sacro può rivendicare a pieno titolo un primo posto in questa stagionale competizione.

Un esempio importante è sicuramente costituito dal Presepe conservato a Roma nella Basilica di Santa Maria Maggiore, una chiesa particolarmente legata ai simboli della Natività: si tratta dell’opera, in origine composta di otto statue pressoché a tutto tondo, attribuita all’artista toscano Arnolfo di Cambio, il quale la eseguì nel 1288 per conto del papa francescano Niccolò IV, in ricordo del presepe vivente di Greccio.

La Ciociaria però può vantare un Presepe ancora più antico: si tratta di quello scolpito a rilievo sul coperchio del sarcofago paleocristiano di Boville Ernica, in provincia di Frosinone, che a seguito di attenti studi è stato datato alla metà del IV secolo d.C., ossia ad un periodo compreso tra il 330 e il 350 d.C.

Foto di Emilia Trovini
                          Particolare del Sarcofago in cui è rappresentata la Natività - Foto di Emilia Trovini

Si tratta di un sarcofago di marmo bianco con cassa rettangolare, chiusa da un coperchio a lastra, caratterizzato da una sorta di appendice verticale frontale, chiamata “attico” oppure “alzatina”. Sulla fronte di cassa è scolpito un verosimile cancello con battenti a grata – provvisti di rotelle di scorrimento e serratura – e con pilastrini laterali: un motivo decorativo molto raro, specialmente nella posizione e nella composizione generale. L’alzatina del coperchio presenta immagini tratte dal Vecchio e Nuovo Testamento: nel settore sinistro la scena dei Tre Fanciulli Ebrei, condannati dal sovrano babilonese Nabucodonosor ad essere arsi vivi sulla fornace a causa del loro rifiuto di adorare un idolo d’oro e tuttavia rimasti illesi; al centro una tabella, sorretta da geni alati, ma senza iscrizione; nel settore destro il “presepe”, nel momento compreso tra la Natività di Gesù e la sua Epifania, con i pastori e i re Magi che stanno per giungere a compiere l’Adorazione del Bambino; ma una misteriosa figura femminile seduta a terra, tra Gesù e la Madonna, rende ancora più suggestiva la scena e fa discutere gli studiosi per la sua identificazione.

Il presepe sul coperchio del sarcofago di Boville Ernica

Questa antica eppure così familiare rappresentazione del Presepe è stata composta secondo il racconto del Vangelo, come si legge in Matteo (II, 1-12) e in Luca (II, 1-7 e 8-20). Da sinistra a destra si possono osservare: i Tre re magi che recano i doni ed esultano in vista della stella, prima perduta e poi ritrovata; un pastore, a metà figura perché nascosto dietro il bue e l’asino; la capanna, con tettoia a tegole ed embrici, sotto la quale il Bambino in fasce giace in una culla di vimini; una figura femminile seduta a terra (varie e complesse sono le interpretazioni, per le quali si rimanda alla bibliografia); la Madonna seduta in atteggiamento pensoso. Occorre sottolineare che non è presente la figura di San Giuseppe, che compare più tardi nell’iconografia cristiana (la sua identificazione sui monumenti anteriori al V secolo non è mai certa né probabile, visto che si tratta di una figura che si è affermata in seguito, anche grazie alla venerazione popolare sempre crescente).

Il carattere delle raffigurazioni del sarcofago bovillense è profondamente unitario perché esaltano l’idea della salvezza, sia tramite i rimandi vetero-testamentari dei Tre fanciulli, salvati dalla fornace per la loro Fede, sia con l’immagine neo-testamentaria della Natività e dell’Epifania. Tutto quindi tende ad amplificare ed esaltare il concetto soterico per eccellenza, ossia la nascita di Gesù Redentore, la cui venuta assicura al fedele la salvezza eterna. Il defunto, che era sepolto nel sarcofago e che purtroppo è ignoto, sicuramente poteva giovarsi della speranza di un’altra vita oltre la morte, grazie a quel giardino paradisiaco intravisto e immaginato al di là delle maglie del cancello, e grazie all’esempio della Fede e della salvezza ricevuta dai Tre fanciulli ebrei e soprattutto grazie alla viva immagine del Salvatore, l’unico vero Re da adorare.

Negli studi il sarcofago di Boville Ernica è stato messo a confronto con i notevoli esemplari prodotti a Roma, perché proviene sicuramente da un’officina dell’Urbe, sebbene non sia possibile indicarne una specifica, tra le molte che vi erano ancora attive nel tardoantico. Certamente dal confronto con gli splendidi e famosi sarcofagi paleocristiani conservati a Roma (per esempio nel Museo Pio Cristiano Vaticano e nelle Catacombe) ed anche in Sicilia (cfr. il sarcofago di Adelfia a Siracusa) l’esemplare di Boville Ernica si caratterizza come un’opera modesta, ma è degno di grandissima considerazione per i motivi che si indicano di seguito: in primo luogo è un unicum nell’ambito storico, artistico e religioso della Ciociaria e, più in generale, del Lazio Meridionale, sia come esempio di scultura funeraria paleocristiana sia come monumento tardoantico; in secondo luogo, pur appartenendo alla ricca e varia produzione romana, il nostro esemplare presenta elementi iconografici e formali di un certo pregio e aspetti del tutto peculiari, osservabili in pochissimi altri esemplari.

Infatti si è potuto verificare che la suggestiva decorazione della fronte di cassa – ossia la verosimile riproduzione di un cancello con battenti che fingono una grata “a fisarmonica” dotata di rotelle di scorrimento – corrisponde ad un motivo decorativo molto raro: simili grate, ma non identiche sia per qualità sia per posizione sulla cassa, sono state riscontrate soltanto in pochi altri esemplari, per giunta conservati fuori dell’Italia, uno negli Stati Uniti (a San Marino in California), altri in Francia (a Mas de Molin in Camargue e ad Arles in Provenza). Per quanto riguarda le sacre rappresentazioni scolpite nei settori dell’attico del coperchio (nel settore sinistro: la scena vetero-testamentaria dei Tre fanciulli ebrei e Nabucodonosor; nel settore destro: la scena neo-testamentaria della Natività ed Epifania di Gesù), pur nell’applicazione di schemi iconografici consueti, sono stati rilevati alcuni elementi originali, come la presenza della figura femminile seduta a terra presso la capanna della Natività, sulla cui identità sono state avanzate varie ipotesi, nessuna delle quali definitiva.

Questi elementi iconografici e compositivi caratteristici ed originali giustificano dunque certamente l’importanza del sarcofago di Boville Ernica. Un’importanza che travalica i confini della Ciociaria, perché al nostro esemplare spetta un posto di grande rilievo nel patrimonio artistico italiano e nel catalogo delle rappresentazioni più antiche del presepe.   

BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO:

CANETRI E., Il sarcofago paleocristiano di Boville Ernica, Boville Ernica 2003 (pp. 1-144).**

Palazzo Filonardi  

 
Il Palazzo fu costruito da Ennio Filonardi per la villeggiatura della Corte Pontificia nell’anno 1532 e lo dedicò a Papa Paolo III. Fu abitato dalla Famiglia Filonardi  fino agli inizi del ‘800, successivamente il palazzo passò  alla Propaganda Fide, quindi alla Famiglia Alipradri e nel 1912 alle Monache Benedettine. Il 30 agosto 1912 le suore benedettine si trasferirono  in questo castello, abbandonando il palazzo Simoncelli distrutto da un incendio - Foto www.visitlazio.com

Foto di Emilia Trovini
Portale del Castello Filonardi, ora Monastero delle Suore Benedettine - Foto di Emilia Trovini

Nel pieno centro  storico di Boville Ernica si può ammirare lo splendido Palazzo Filonardi, che è il più grande complesso architettonico del paese.

Si trova sul punto più alto e la sua ampia distribuzione, articolata su cinque fronti, è ricca di cortili, di splendidi portali, di trifore, di preziose pavimentazioni interne con impressi il giglio simbolo dei Farnese e la quercia dei Della Rovere, maestosi scaloni, imponenti camini, soffitti lignei a vista.


Pregevoli sono i particolari architettonici dell’edificio attribuiti ad uno dei più grandi architetti del Rinascimento: Jacopo Barozzi (1507-1573), detto il Vignola, che ha realizzato anche il portale d’ingresso al palazzo che è ora sede del monastero delle suore benedettine.
  

Le porte e le finestre portano incisi i nomi di familiari e dello stesso cardinale Ennio Filonardi, che fece costruire il palazzo sui resti dell’antico castello baronale di alcuni dei suoi illustri antenati. Il cardinale lo eresse, per la villeggiatura della corte pontificia e lo dedicò al suo benefattore Paolo III nel 1532.  

Foto di Enzo Sorci
Tramite un portale in tufo si accede al cortile, in Piazza San Pietro, all’interno del quale si può ammirare un altro bellissimo portale caratterizzato da un arco rotondo sul quale sono incisi angeli con spighe e fiori ed un’epigrafe. Il portale sembra essere opera dei Sangallo ma secondo la tradizione è frutto dell’arte del Vignola. A quest’ultimo artista viene attribuito anche lo stupendo Salone di Rappresentanza, situato al primo piano del palazzo e caratterizzato da un pregiato pavimento in cotto su cui sono incisi i simboli delle famiglie nobili Farnese e Della Rovere, protettrici del cardinale Filonardi. Nei pressi di Palazzo Filonardi si trova anche la stupenda Chiesa di San Pietro Ispano -  Foto di Enzo Sorci

Testo : Wikipedia


Foto di Emilia Trovini, Alberto Paglia,  Franco Olivetti,  Enzo Sorci, Ferdinando Potenti, Giovanni Fraioli, Brandaqui, Tonino Bernardelli, Paola D'Arpino, Maurizio Ciliegi, che si ringraziano per averle concesse in uso alla Provincia di Frosinone.   
 

La Provincia non detiene i diritti d'autore delle foto pubblicate. Esse sono e restano di esclusiva proprietà dell'autore.


 

 





  © Copyright Provincia di Frosinone - P.zza A. Gramsci, 13 - 03100 Frosinone - tel. 0775.2191                                                      web engineering Real Virtual
   Sito ottimizzato per 1024x768                                                                                                                                                           Visitatori:960037