I COMUNI
  
Icona

Individuazione zone idonee impianti smaltimento rifiuti


Con nota prot. n. 247816/2016, l’Area “Ciclo Integrato dei Rifiuti” della Direzione Territorio Urbanistica, Mobilità della Regione Lazio, ha richiesto a questa Provincia, ai fini dell’aggiornamento del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti, l’individuazione delle zone indicate in oggetto.    

Tale Piano Regionale deve essere basato non solo su una gestione efficace ed efficiente, ma soprattutto su un approccio complessivo e sostenibile finalizzato a preservare le risorse naturali ed energetiche ed a ridurre le emissioni nell’ambiente. Tale approccio, definito nella relazione tecnica allegata alla Deliberazione di Giunta Regionale n. 199/2016, necessita di una revisione dell’intero processo a partire dalla progettazione del prodotto, alla sua realizzazione, al suo indirizzo sostenibile da parte dell’utente, fino alla gestione del rifiuto, prevedendo comportamenti e stili di vita che non mettano a repentaglio l’ambiente circostante, la qualità della vita dell’uomo stesso, la tutela del territorio e la salute dei cittadini.

Ai sensi del comma 1,  lett. d) dell’art. 197 DLgs 152/2006 e ss.mm.ii. l’individuazione delle zone in oggetto, dovrà essere effettuata “sentiti gli Enti di Governo d’Ambito ed i Comuni”.

Facendo seguito alla nota prot. n. 71931 del 15/07/2016 del Presidente di questa Provincia, trasmessa ai Sindaci della Provincia di Frosinone, i Settori preposti hanno eseguito attività ricognitive e propedeutiche alla fase di discussione e confronto con il territorio.

Nel merito, così come previsto dall’art. 197 sopra citato, la procedura di individuazione delle zone in oggetto, dovrà essere effettuata sulla base delle previsioni del vigente Piano Territoriale Provinciale Generale – PTPG, approvato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 71/2007 ed in ogni caso da aggiornare ai principi stabiliti dalla Deliberazione di Giunta Regionale n.199/2016 sopra riportata.

Tale Piano provinciale, al punto 3 dell’articolo 19 delle Norme di attuazione – N.A., prescrive di escludere, nella localizzazione delle nuove discariche ed impianti, le fasce A e B2 del Piano stralcio di difesa dalle alluvioni dell’Autorità di Bacino; le aree comprese nei Sistemi ambientali delle Valli fluviali di cui alla tav. TP1; le zone instabili con fenomeni attivi di franosità; le aree di elevata vulnerabilità degli acquiferi e le aree di tutela delle sorgenti, le zone di tutela paesistica delle acque pubbliche (cfr. art. L.431/85)”.

Tenuto conto di quanto previsto dal suddetto art. 19 delle NA del PTPG, allo scopo di permettere a questo Ente di procedere agli adempimenti richiesti dalla Regione, Codesti Enti potranno produrre osservazioni in merito, segnalando le zone del territorio di propria competenza, interessate da ulteriori vincoli e/o aventi destinazioni urbanistiche non compatibili con l’individuazione delle zone di cui all’ oggetto, nonché ulteriori criticità.

A tal proposito, questo Ente ha predisposto di seguito la pubblicazione della cartografia utile e necessaria all’espletamento degli adempimenti richiesti, dalla quale si rilevano le zone tutelate a livello regionale dal PTPR, provinciale dal PTPG e dall’Autorità di Bacino dei Fiumi Liri, Garigliano e Volturno:

Tale cartografia è costituita da:

Piano Territoriale Paesistico Regionale – PTPR:  Tavole B “Beni Paesaggistici”;

Piano Territoriale Provinciale Generale – PTPG:

Tavole SAD 3 “Sistema Ambientale – Difesa e sicurezza del territorio, Vulnerabilità connessa alle cave ed agli impianti di smaltimento rifiuti;

Tavole SAN 3 “Sistema Ambientale: Valori Naturalistici e tutela ecologica, Valori naturalistici;

Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico dell’Autorità di Bacino del fiume Liri Garigliano e Volturno - Carta delle fasce fluviali, Rischio idraulico:

Tavole LG anno 2001 

Qualora non si riuscisse a visualizzare le tavole nel browser, si invita ad eseguire il download e quindi aprire le stesse tavole off-line.

Si precisa che le suddette osservazioni dovranno essere presentate entro e non oltre il giorno 05/09/2016 *, al fine della successiva trasmissione alla Regione Lazio per gli adempimenti di competenza.

Le osservazioni dovranno essere trasmesse a mezzo Pec, al seguente indirizzo: protocollo@pec.provincia.fr.it.

Per eventuali chiarimenti ed approfondimenti è possibile contattare i funzionari competenti dei Settori di questa Provincia.      

Recapiti telefonici:

Servizio AIA, Energia, Rifiuti, Tutela Acque - Dott.ssa Anna Maria Rutici 0775/219559;

Servizio Innovazione Tecnologica - Ufficio S.I.T:  Geom. Giovanni Pizzuti 0775/219374 e Dott. Boris Marzilli  0775/219258.

 

       Il Responsabile del Servizio AIA,

         Energia, Rifiuti, Tutela Acque

       Ing. Tommaso Michele Secondini

                                                                                     IL DIRIGENTE

                                                                             Ing. Maria Carla Traversari 



Frosinone, 5 agosto 2016 



AGGIORNAMENTO dell'11 agosto 2016: 

* Differito al 20 SETTEMBRE 2016 il termine per la presentazione delle osservazioni da parte dei comuni. 



 

 





  © Copyright Provincia di Frosinone - P.zza A. Gramsci, 13 - 03100 Frosinone - tel. 0775.2191                                                      web engineering Real Virtual
   Sito ottimizzato per 1024x768                                                                                                                                                           Visitatori:979076