I COMUNI
  

Corso di formazione in materia di TRASPARENZA e PREVEZIONE della CORRUZIONE riservato ai dipendenti pubblici
Comunicato stampa del 20/12/2017






Si è svolto lunedì’ 18 dicembre 2017, nel salone di Rappresentanza della Provincia di Frosinone, il corso di formazione “La relazione annuale, l’aggiornamento del PTPC e gli altri adempimenti anticorruzione obbligatori: monitoraggio, responsabilità e sanzioni”, riservato ai dipendenti pubblici dei comuni della provincia di Frosinone e ai dipendenti provinciali.

Relatore il Dott. Fabio, Martino BATTISTA, Segretario Generale e Direttore Generale della Provincia di Frosinone.

I lavori si sono aperti con  i saluti del Consigliere Massimiliano Mignanelli e del Dott. Massimo Di Donato, Prefetto Vicario della Provincia di Frosinone. 



Il Dott. Fabio, Martino Battista, responsabile della Trasparenza e della prevenzione della corruzione, ha relazionato, davanti ad una numerosa ed attenta platea, sui seguenti argomenti:

Le azioni e le misure per la prevenzione indicate dall’ANAC. Gli obblighi di aggiornamento del PTPC. La redazione della relazione annuale. Il ruolo dell’ANAC e le sanzioni previste. Le responsabilità del RPCT e dei referenti delle aree a maggior rischio corruttivo. Il nuovo Codice Antimafia.

Le strategie di prevenzione della corruzione a livello nazionale. Il contenuto del Piano Nazionale Anticorruzione. Gli obiettivi strategici e le azioni previste.

Le modifiche alla disciplina della trasparenza dopo il FOIA (D.Lgs. 97/16).

L’attuazione della normativa anticorruzione da parte delle società partecipate (nuove Linee guida ANAC), degli Ordini e Collegi professionali e dei soggetti privati in controllo pubblico.

Gli ultimi orientamenti ANAC in materia di anticorruzione.



La redazione della relazione annuale del RPC sull’attività svolta. L’inoltro all’Organo di indirizzo e l’obbligo di pubblicazione sul sito web istituzionale.

L’aggiornamento del Piano triennale di prevenzione della corruzione alla luce delle problematiche emerse e degli indirizzi del PNA.

Le criticità riscontrate dall’ANAC nei PTPC. Il coinvolgimento dei dipendenti e il ruolo strategico della formazione.

L’analisi del contesto esterno e interno per la piena valutazione del rischio.

La centralità del dialogo interno fra RPC, referenti e Dirigenti.

Le sanzioni previste per il mancato aggiornamento dei Piani e per Piani non corrispondenti al grado di rischio dell’Ente.

Le funzioni ispettive dell’ANAC sull’idoneità dei PTPC. Il nuovo Regolamento ANAC sull’esercizio dell’attività di vigilanza in materia di prevenzione della corruzione.



Il Regolamento ANAC in materia di esercizio del potere sanzionatorio.

Il monitoraggio costante sull’applicazione del PTPC e il coordinamento con il Codice di comportamento e il Piano della performance. Il collegamento con il sistema dei controlli interni.

Le misure organizzative. L’autoanalisi organizzativa e l’individuazione di specifici indicatori. La mappatura dei processi.

L’affermazione dei principi di imparzialità oggettiva derivante da condizioni organizzative e imparzialità  soggettiva del funzionario.

Le misure per la prevenzione indicate dal PNA: trasparenza; rotazione;  inconferibilità; privatizzazione e esternalizzazione di funzioni, attività strumentali e servizi pubblici. 

Le sanzioni disciplinari per i dipendenti in caso di violazioni dei contenuti del PTPC e del Codice di comportamento (D.Lgs. 75/16).

La tutela del soggetto che segnala illeciti (whistleblowing).

La centralità del RPC nell’attività di prevenzione della corruzione.

La responsabilità per omesso controllo. Le ipotesi esimenti. Le responsabilità in caso di omesso o insufficiente aggiornamento annuale del PTPC.

L’accertamento da parte del RPC delle inconferibilità e delle incompatibilità degli incarichi amministrativi. Le Linee guida ANAC.

Le responsabilità dei referenti delle aree a maggior rischio corruttivo.



Ruolo e poteri del Responsabile della trasparenza. Le sanzioni relative alla violazione di specifici obblighi di trasparenza.

Il Regolamento ANAC in materia di esercizio del potere sanzionatorio.

Il controllo sull’attività del RPC e dei Dirigenti.

Il ruolo dell’OIV ai fini della validazione e della coerenza con gli obiettivi di programmazione strategico-gestionale. I nuovi poteri degli OIV dopo il D.Lgs. 74/17.

Il nuovo Codice Antimafia.

Alle ore 13.00 c’è stata  una pausa pranzo di un’ora, poi i lavori sono ripresi e il Dott. Battista ha risposto alle domande che gli sono state poste dai partecipanti al corso.

Frosinone, 20 dicembre 2017

 

  

 



  © Copyright Provincia di Frosinone - P.zza A. Gramsci, 13 - 03100 Frosinone - tel. 0775.2191                                                      web engineering Real Virtual
   Sito ottimizzato per 1024x768                                                                                                                                                           Visitatori:968285