I COMUNI
  

Gli AUGURI del PRESIDENTE della PROVINCIA di FROSINONE
Comunicato stampa del 19/12/2019




 

Cari dipendenti, donne e uomini dell'Amministrazione provinciale,

il momento che oggi ci vede qui, insieme, nella Sala che più di tutte rappresenta la nostra istituzione, è senza dubbio di gioia, in vista delle imminenti festività natalizie. Ma è anche, come ogni anno, occasione per fare il punto sull'anno che sta per chiudersi e che porta con sé necessariamente un bilancio.

Le Province sono state bistrattate, quasi demonizzate in un periodo storico delicato e complicatissimo che ormai dura da cinque anni. Da quando, cioè, la famosa, o forse meglio famigerata, legge Delrio le ha depotenziate, indebolite sotto il profilo amministrativo, finanziario e, soprattutto, delle risorse umane. Ebbene, nonostante tutte queste difficoltà, noi siamo riusciti, con grande impegno e senso di responsabilità, a mettere in campo una transizione meno traumatica rispetto alle altre province, continuando a garantire servizi e sostegno ai nostri Comuni.

E questo è merito del lavoro di squadra, della costante abnegazione da parte degli uffici, dell'efficienza e dell'attaccamento a questa istituzione, che hanno continuato ad orientare e caratterizzare azioni e progettualità.

Per questo io voglio ringraziare tutti voi, dalle figure apicali fino alla base, che avete contribuito a dimostrare la vivacità di un ente di prossimità quale il nostro, fondamentale e assolutamente da preservare, oltre che valorizzare.



Una Provincia, la nostra, che da poco ha festeggiato i suoi 93 anni. E mi piace sottolineare quello che il sottosegretario di Stato al Ministero degli Interni, l'amico Achille Variati, ha detto proprio qui, in questo salone, quando lunedì scorso è venuto a parlare del passato e del futuro delle Province: cancellarle sarebbe un 'tradimento costituzionale'. Perché nessuno, più di questi enti, può rappresentare il vero anello di congiunzione tra i territori e lo Stato centrale; perché nessuno più delle Province può interpretare le necessità di piccoli e grandi comuni e perorarne le cause nelle sedi di Governo e Parlamento. Se oggi, sul territorio provinciale, ci sono strade e scuole più sicure, è certamente merito nostro e, quindi, vostro.



Dobbiamo continuare insieme questo percorso, dobbiamo salvaguardare e valorizzare il lavoro di quanti hanno sempre dimostrato impegno e grande senso di responsabilità nella gestione della cosa pubblica.

Quindi vi ringrazio e voglio con voi brindare a un 2020 che possa essere portatore di nuova linfa per la nostra Provincia e per tutto il personale che ne è la diretta espressione.

Lasciatemi, però, rivolgere un pensiero particolare a chi ci ha lasciato da poco, l'agente della Polizia provinciale Tommaso Tedeschi, persona dal carattere mite e accomodante, sempre pronto e disponibile, altruista e punto di riferimento per i suoi colleghi. Dopo una vita dedita al lavoro nel corpo della Polizia Provinciale, aveva appena raggiunto il massimo della contribuzione e si apprestava a presentare domanda per essere collocato in pensione e godere, finalmente, i frutti del suo lavoro. Purtroppo la sua vita si è interrotta e noi tutti, oggi, abbiamo il dovere di ricordarlo ed apprezzarlo per quanto ha fatto per la Provincia.

Chiudo, augurandovi un sereno Natale perché è di questo, soprattutto, che abbiamo bisogno: della serenità che può realmente farci apprezzare le piccole cose, i piaceri di condividere una festa con la famiglia e un momento di speranza affinché il futuro possa essere migliore per tutti noi e per i nostri figli. È a loro che dobbiamo lasciare, insieme ai nostri insegnamenti, la capacità di sognare ancora e di lavorare, anche duramente, per raggiungere obiettivi grandi e importanti. Loro seguono il nostro esempio e noi, per quanto ci è possibile, dobbiamo attingere dalle loro energie.

Un brindisi alla nostra Provincia, augurandole la longevità e la dignità istituzionale che merita.

Un brindisi a tutti noi per un Natale sereno e un futuro ricco di soddisfazioni.

Grazie a tutti!



Il presidente Antonio Pompeo ha voluto riunire nel Salone di rappresentanza dell'Ente i dipendenti dell'Amministrazione provinciale per un brindisi natalizio e l'augurio per il nuovo anno. Con l'occasione ha consegnato le borse di studio del Cral ai figli dei due dipendenti, Di Mascio e Protani.




VIDEOMESSAGGIO DI AUGURI DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI FROSINONE

Frosinone 19 dicembre 2019

 





  © Copyright Provincia di Frosinone - P.zza A. Gramsci, 13 - 03100 Frosinone - tel. 0775.2191                                                      web engineering Real Virtual
   Sito ottimizzato per 1024x768                                                                                                                                                           Visitatori:998599